Il disagio della Milano Moda Uomo 2015

gucci2

Ci ho messo un po’ a trovare il tempo, la voglia e la forza di fare questo articolo, ma certi pensieri è giusto condividerli. Parlami dei tuoi disagi.
Si perchè io ero rimasta già un po’ basita dall’orda di “uomini” (e le virgolette non si riferiscono al gender o ai gusti sessuali, ma bensì al fatto che comunque di uomo lì dentro c’era ben poco) presenti al Pitti Immagine Uomo, non solo dai modelli proposti, ma soprattutto da quella gran massa di rincoglioniti che sta lì, ferma immobile a farsi fotografare come se fosse l’ottava meraviglia della Terra, il Maschio del XXI secolo, l’idolo di ispirazione un po’ Vogue un po’ Gucci.
E a dirla tutta, è stato proprio Gucci oggi a farmi cadere di bocca un pezzo di scamerita mentre ero a pranzo, con i modeli presentati alla Milano Moda Uomo 2015.

L’incubo dell’uomo letteralmente vestito da donna che, puntuale arriva ogni anno per carnevale (e io odio il carnevale), è diventato realtà. Una relatà che neanche Freddy Krueger avrebbe potuto rappresentare in maniera più realistica.

Ammetto di aver durato fatica a riconoscere il sesso dei modelli in passerella: ad un tratto mi son chiesta se mi stessi sbagliando, se forse avessi capito male e che magari sfilavano pure le donne. Macchè. Le gambe dei modelli di Prada fanno paura. Ragazzi, mai sentito parlare di proteine? Carboidrati? Zuccheri? Avrei voglia di offrire loro un trancio di pizza.

L’uomo Prada è un uomo giovane e fresco, addolcito dalle rosee influenze da Barbie di sorella e fidanzata. Indossa shorts e giacca perchè vuole sentirsi libero ed indipendente, restando sempre però fedele a sè stesso, dandosi un’alloure professionale ma allo stesso tempo senza prendersi troppo sul serio. Non si fa la barba, la barba invecchia e conferisce un’immagine troppo da finto filosofo forse connesso con gli hipster in declino.
prada

prada2

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTM0Mzc=__W456H666R15BTRANSP___88bd27bd

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTM0Mzg=__W456H666R15BTRANSP___82f44b4d

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTM0NTE=__W456H666R15BTRANSP___8f0f62eb

L’uomo di Andrea Incontri è un fashion business man addicted to the color block. A lui piace giocare con i colori, mixare fantasie e divertirsi con irriverenti borse con le palmine, borse da portare rigorosamente con il braccio a ombrello, in mood figa di legno, così da affrontare con grinta il duro mondo del lavoro. Non dimentichiamoci, che all’uomo Incontri piace accompagnarsi con donne scherzose ed estrose come lui, specialmente donne quadretto.

andrea incontri

incontri 3

incontri2

incontri4

L’ideale maschile di DSquared2 è pià selvaggio, fatto “a omo”, come piace a tante, con il capello ribelle, la mascellona da Big Jim e il coscio da palestrato. Ci garba.
E’ un tipo stiloso e sportivo al tempo stesso, quasi volesse insegnare agli scarpinatori del NordEuropa il mountain sporty style strafashion. Un alpinista con stile, insomma. Dovrò proporlo a mio fratello che in agosto se ne va due settimane in Trentino.
Il doppio pantalone -attenzione, non è una gonna!- ha il suo perchè e sicuramente renderà la scarpinata tra i monti, marmotte e confezioni di Milka, una passeggiata semplice e confortevole. Immancabile, un pezzo così anni ’90 che a cui tutti siamo strettamente connessi: la ciabatta.

DSQUARED2 2

DSQUARED2 3jpg

DSQUARED2

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTYwOTY=__W456H666R15BTRANSP___d9974429

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTYyMjg=__W456H666R15BTRANSP___1d30e218

 

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTYyMzg=__W456H666R15BTRANSP___23179137

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7OTYyMzY=__W456H666R15BTRANSP___8cd7b40b

Anche la carissima e stranissima Vivienne Westwood, ci riporta un uomo forte e virile, ma tendenzialmente in mutande.
Sarà la crisi economica e, quindi la volontà di dipingere il ritratto di un uomo al passo coi tempi, lasciato in mutande dalle tasse e dalla cassa integrazione, sarà il caldo estivo, sarà il disagio… fatto sta che la Westwood è riuscita a dar vita alla rappresentazione della società odierna in carne e ossa.

viv3

viv4

vivi2

vivienne

Ed eccoci al pezzo forte, Gucci.
Un po’ cowboy, un po’ vintage anni ’70, un po’ ragazzetta con il golfino stretto e nonna dei Cugini di Campagna in vestaglia, il maschio Gucci mix stili e porta con sè pezzi di storia della moda.
L’uomo Gucci, è un’altra rappresentazione della società odierna, quella assorta nei pensieri, un po’ distratta e un po’ fatta, una società che vede i suoi membri vivere un conflitto interiore che li divide: essere o non essere? mangiare poco o digiunare? piastrarmi i capelli o no? farmi le ali di gabbiano o comprare la matita per le sopracciglia? meglio la ceretta o la depilazione permanente?
Il conflitto viene rappresentato attraverso l’arte della moda, con i suoi colori e i mix di materiali.
Alcuni capi, poi, sono un vero e proprio inno alla donna: l’uomo in ballerine o in gonnella, non è da intendersi come un’offesa o una presa di giro, ma è un vero e proprio inno poetico al progesterone. Un’ode all’utero che ci ha dato la vita, un’ode alle madri, alle sorelle, alle amiche, alle amanti, un’ode che vede la massima espressione nell’indossare abiti simili a quelli portati da loro ogni giorno, come se l’indossare il reggiseno o la minigonna volesse dire “io sono con te, ti sostengo nelle tue battaglie e voglio provare le tue emozioni, le sue sensazioni”.
L’uomo di Gucci scherza un po’ con il tema maschio/femmina, ma l’inno alle donne riecheggia in ogni capo come una dedica al genere femminile che da sempre porta avanti il mondo.gucci

gucci3

gucci4

gucci5

gucci6

gucci7

gucci8

gucci9

gucci10

gucci11

gucci12

gucci13

gucci14

 

 

 

More about Melly

13 thoughts on “Il disagio della Milano Moda Uomo 2015

  1. tizy1289

    Le sfilate maschili sono RIDICOLE. Ogni volta che vedo qualche servizio in TV mi vien voglia di lanciare la suddetta fuori dalla finestra..

    Rispondi

    1. M.Elly

      veramente, ma poi mi chiedo: perchè? di cosa si fanno?

      Rispondi

      1. tizy1289

        Sadismo, suppongo. E droghe potenti! Parliamo degli invitati di Pitti uomo conciati a ‘sto modo che se la tirano pure?

        Rispondi

        1. M.Elly

          no vabbè, ma poi intrombabili.

          Rispondi

  2. Angelo Accastelli

    Le sfilate maschili sono brutte così? :O Mezzi vestiti sembrano presi da “Sesso, droga e pastorizia” 😀

    Rispondi

  3. jesslan

    Ma come si fa a non ridere se uno ti si presentasse così? Ma poi anoressici! Quello appena prima di Gucci mi fa impressione!

    Rispondi

    1. jesslan

      Ah sai che ti avevo parlato della pochette da mettere nel taschino? Dopo tanti giri per trovarne una che riprendesse i colori del mio vestito, sono andata a cercare come piegarla e ho letto che non va mai abbinata alla cravatta o alla fantasia della camicia…noooooo! Lui ha la cravatta blu elettrico e il fazzoletto, a fantasia, contiene anche quel colore e ci piaceva proprio per quello!! 🙁

      Rispondi

      1. M.Elly

        vabbè, ma le regole son fatte per essere infrante!e poi, se sta bene ed è tutto in tono, perchè no?

        Rispondi

    2. M.Elly

      cioè hanno delle coscine rachitiche che veramente non sanno di uomo

      Rispondi

  4. marymakeup

    sono imbarazzanti! Se mio marito andasse in giro così lo sbatterei fuori di casa. Ma che idea hanno dell’uomo questi stilisti? Bisognerebbe chiederglielo….allucinante!

    Rispondi

    1. M.Elly

      mah, la stessa assurda che hanno delle donne, forse.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *