How to do: come fare un bagaglio a mano senza impazzire!

6536935f23d8aa1bd60faf1c9e32fe6c

 

Donne, io lo vedo il vostro disagio. Io lo sento, io lo vivo e l’ho vissuto.
Stare ore a guardare un trolley del piffero che a cose normali non ci infilereste neanche l’indispensabile per la palestra. Anzi, per andare in palestra ci mettete più roba nel borsone che in quel misero bagaglio a mano.
Siete quasi tentate dall’osare quei 10kg precisi precisi ma poi sapete che farete shopping. E che volerete su Ryanair, senza dubbio la compagnia più antipatica, più ditonelderetano, con le hostess più acide che ci siano. Ma sono le regole, e le regole vanno rispettate. Mica vogliamo metterci a polemizzare come un classico italiano medio al gate, quando ci piazzano davanti al naso un salasso per ogni kg superato?
E quindi come fare a preparare una valigia alla perfezione, lasciando spazio per tutto e per qualche regalo di ritorno?
Ma ci sono io, la maga delle valige, Vostra Signora Serenissma dei Trolley formato Ryanair.

ehm, no qui volavo con Vueling, 23 kg da stiva e 10 da bagaglio a mano mai controllati
ehm, no qui volavo con Vueling, 23 kg da stiva e 10 da bagaglio a mano mai controllati

Sì perché ad eccezione dei due voli intercontinentali presi a 14 e 15 anni per Thailandia e Messico, dove avevo Madreh che si occupava di tutto, io volo per l’Europa solo con Ryanair e Vueling.
Adoro Vueling, le hostess non sono mai incazzate ma sempre gentili e carine, ti aiutano, non ti mettono fretta, e il bagaglio da stiva di base pesa 23kg. Se al check-in hai un paio di kg in più, tendenzialmente chiudono un occhio (o almeno questo è successo a me).

10397821_695551140528877_2993577143488854471_n

  • Con Ryanair è tutto più scomodo. Sedili più stretti, hostess acide, fretta, un vero e proprio terrorismo psicologico del bagaglio.
    Lo pesi e lo ripesi per assicurarti di rientrare nei 10 kg di quello a mano e nei 15 di quello da stiva, vai in loop paranoico per quei milligrammi in più e inizi a razzolare tra i vestiti nella speranza di far spazio, di liberare aria.
  • 3929f6c265efca55f5ea59869399d3f1
    Ragazze, vi aiuto io.
    Innanzi tutto, calma, respirate. Non è necessario che portiate con voi tutto l’armadio, soprattutto se ve ne state andando al mare per una settimana o dieci giorni.
    Prima regola: sempre partire con un max di 8 kg. Non perchè io sia sadica, quanto perchè voglio sempre lasciar spazio libero per futuri acquisti.
    Altra regola fondamentale: i liquidi. E’ inutile che vi mettiate a urlare in faccia al personale aeroportuale in fase di controlli, le regole ci sono per tutti e vanno rispettate. L’acqua ve la dovete finire, si sa ormai che non si passano i controlli con la bottiglietta in mano. E così anche per il resto, tra trucchi, creme, shampoo e bagnoschiuma vari. Si sa, sarà una regola antipatica, ma c’è, quindi non rompete le palle ed evitate di far fare la fila al resto delle persone: fate la valigia con un minimo di cognizione di causa e compratevi le buste da viaggio con i dosatori da 100ml.
    La crema solare la potete trovare per 5,00 euro da Decathlon in formato 100ml, mentre in negozi come Tigotà, La Gardenia, Acqua e Sapone e anche Coop e Conad, troverete le trousse da viaggio contenenti le boccette vuote da riempire per un max di 100 ml. Non avete scuse.
  • liquidi
  • Riflettete sul luogo di destinazione. Vi aspetta una vacanza in Grecia? Una settimana in una isla tranquila come Fuerteventura?I tacchi eliminateli. Non saranno necessari se siete in partenza per una vacanza di mare, sole, relax ed escursioni. Gli italiani a Fuerteventura si riconoscono, (ci vorrebbe un post a parte solo su di loro) e vi assicuro che vedere le donne in abito elegante e tacchi a spillo è ridicolo. Ogni luogo ha i suoi dictat.
  • I tacchi. Appunto, portarli o no? Io non li ho mai portati in aereo, sapevo che non avendo un’auto mi sarei mossa a piedi o con i mezzi, vedi lo scorso anno in Andalusia, quindi non ci ho pensato neanche per un secondo a portarne un paio con me. Se vi dovete arrangiare a muovervi, se prevedete si essere sempre in piedi, optate per partire con un paio di sneakers (pesano di più) e mettete in valigia sandali bassi e ballerine. Sono così leggeri che potreste portarne due paia per modello e, essendo calzature che prendono pure poco spazio, potreste metterle nella tasca interna del trolley, avvolte in sacchettini di plastica tipo buste per tshirt o per la spesa.
    La mia vacanza di quest’anno sarà in Costa Azzurra e ci andrò in macchina: ho deciso che per la prima volta un paio di tacchi alti partiranno con me. La destinazione è chic, si presta bene all’abito elegante e il fattore auto incide sulle possibilità di scelta dei miei outfit. Ma se andate in aereo, less is more, ciò che indossate poco, come i tacchi, potete anche lasciarli a casa.
  • Gli stivali. Premettendo che sono fortemente contraria all’estistenza dello stivale estivo, perchè sicura che crei delle piccole Cherobyl ai piedi di chi li indossa, capisco che a volte siano comodi. Tipo in montagna o nelle serate fresche. Quindi se come meta di viaggio avete freschine città nordeuropee, vi consiglio di mettervi gli stivali direttamente alla partenza, sono pesanti e prenderebbero troppo spazio in valigia, sicuramente più spazio di un paio di Converse (a proposito: tra Converse e Superga, le prime sono più leggere!!).
  • I cambi. Quanti cambi al giorno? Eh, questo dovete vederlo voi, generalmente io ne conto due, uno per la giornata, uno per la sera. Ma non è obbligatorio essere vestiti ogni sera in maniera differente. Possiamo mixare i capi all’interno del nostro mini guardaroba da almeno 8 kg e, nonostante si tratti di una vacanza, niente ci vieta di fare anche un piccolo bucato di intimo, canotte e t-shirt.
    Portiamo con noi un guardaroba ridotto: il reggiseno chiaro che sta bene con tutto, il reggiseno a fascia per gli abiti senza spalline, almeno 5 o 6 paia di slip e 3 paia di calzini: l’intimo non sembra, ma prende spazio! Quindi, riduciamolo allo stretto indispensabile, che tanto a lavarci un paio di slip ci mettiamo due secondi.
    Per quanto riguarda l‘accappatoio, che ve lo dico a fare… così come per il telo da mare, si tratta di  un oggetto pesante, grande e grosso e pure inutile. Un telo in microfibra è quello che vi vuole, mentre per il mare potreste usare un grande pareo colorato da stendere sulla sabbia. Io l’ho fatto l’anno scorso per Malaga e Cadiz e non me ne sono affatto pentita.
    Cercate di scegliere capi fini e leggeri, cose che al tatto pesano poco e prendono poco spazio.
    Sul fondo della valigia, adagiate il telo per asciugarvi e il pareo per la spiaggia e iniziate a riempirla dandole un senso pratico e un incastro perfetto. Passate all’intimo. Io in genere inserisco tutto in buste di plastica pulite, mi da un senso maggiore di igiene e so che le mie cose non se ne andranno sparse per la borsa. Riponete l’intimo nella busta cercando di riempirla in maniera uniforme e togliete quanta più aria possibile. Poi passate alle magliette. Ripiegatele bene, facendo attenzione alle pieghe: se i capi sono riposti con cura, prenderanno meno spazio. Poi le gonnelline, gli shorts e gli abiti. Sulla parte superiore, sempre chiuse in buste, ballerine e sandali bassi. Nelle tasche esterne e interne, i trucchi e la busta dei liquidi da 100ml. Fortunatamente, i capi estivi sono leggeri, quindi abbiamo più margine di scelta di opzioni da mettere in valigia.
  • Le borse. Da due anni è possibile volare con Ryanair con trolley a mano e borsa a spalla (purchè non sia enorme, ma tenete conto che un formato Balenciaga stracolmo di cose, me l’hanno passato senza problemi). Ovviamente è improponibile partire con una sola borsa, quindi inserite quelle che avete scelto in cima alla valigia, sopra tutta la pila di abiti ed optate per una piccolina per la sera e una più grande per il giorno. In totale ne avrete 3, numero perfetto per 10 giorni di vacanza con solo bagaglio a mano. Per la spiaggia, una borsa in tela da piegare è perfetta, non prende spazio e non pesa nulla (e si. dovrete abbandonare l’idea di portare con voi la borsa in paglia).borsa
  • I trucchi. Se andate al mare, non avrete certo bisogno di palette trucco, di mille ombretti, di terre e fondotinta. Il sole vi darà il colorito giusto e anche un solo filo di mascara vi renderà bellissime. Ma, se proprio non riuscite a rinunciare a una scelta, allora optate per una piccola pochette che contenga: mascara, matita nera, eyeliner, una mini palette ombretti come quella di essence, 3 rossetti, una terra o un blush.
    Se troppo pesanti, potrete portare la pochette con voi nella borsa a mano.

    I jeans. Io in estate li evito come la peste, ma se avete una meta nordica, è ovvio che ne avrete bisogno. Un paio indossateli alla partenza, e in valigia riponetene un altro: due paia di pantaloni lunghi per una settimana o una decina di giorni bastano e avanzano! Cercate di piegarli bene schiacciandoli sul fondo del bagaglio, si appiattiranno e prenderanno pochissimo spazio. Ecco, magari un paio di leggings perché no, non pesano molto e potrebbero farvi comodo

    Come ripiegare i capi. Cercando info su internet, c’è chi consiglia anche di arrotolarli…. a mio avviso è una perdita di tempo e di spazio: il volume aumenta e rischiate di sgualcire tutto. Io preferisco sempre piegare le mie cose in modo preciso e senza pieghe, i capi si appiattiscono e non prendono spazi eccessivi.

  • Il ritorno. Di solito è più tragico che l’andata, ma non demordete. Se siete state brave, vi siete assicurate alla partenza di lasciare un margine di kg per gli acquisti fatti in vacanza ma, se avete acquistato più del previsto (tranquille, siamo in tante), eccoci che sono dolori.
    Cercate di piegare tutto nel migliore dei modi, se avete comprato un paio di tacchi, riponeteli con cura nel bagaglio senza la scatola. Nella borsa a mano avete sicuramente posto per un paio di ballerine o di sandalini e, trucco furbettissimo, se avete comprato qualcosa al duty free (come cibo, acqua o liquori tipici che volete riportare a casa), potete trasferire qualcosa dalla vostra valigia alla borsa degli acquisti fatti in aeroporto. Per dire, la busta di carta di Desigual all’aeroporto di El Prat, mi ha salvato la vita.  Venivo via da un anno in Spagna e avevo anche gli asciugamani da bagno con me, che pesavano tantissimo…son riuscita a inserirli nella borsa appena acquistata e a passare inosservata.
    A mali estremi, estremi rimedi. Non c’è nulla di male se, al momento dell’imbarco (prima non ce n’è bisogno), iniziate a sentir freddo e a vestirvi. Può capitare, sapete, che ad un certo momento, quando ormai siete a conoscenza di avere in quel trolley CINQUE kg in più del dovuto, che  il vostro corpo abbia una reazione particolare per cui vi faccia sentire così freddo da portarvi a mettervi un paio di jeans al collo come se fossero una sciarpa. E una maglietta sulla testa, e un golf legato in vita.

    Estate 2012, dopo 3 mesi di tirocinio a Siviglia avevo un solo bagaglio da 15kg in stiva, e così ho pensato bene di...vestirmi!
    Estate 2012, dopo 3 mesi di tirocinio a Siviglia avevo un solo bagaglio da 15kg in stiva, e così ho pensato bene di…vestirmi!

Ecco qualche idea sui capi da scegliere in base alla destinazione del vostro viaggio con solo bagaglio a mano
Per le mete nordiche e più fredde, magliette basiche, un cardigan morbido da togliere e mettere all’occorrenza, una camicia di jeans, passe par tout di quest’anno, e un giacchino leggero anti pioggia. Borsa e zaino basic, jeans, leggings, sneakers e ballerine. Per la partenza: una tee nera, un paio di jeans, zainetto e stivaletti; nello zaino il cardigan.

Immagine

74053004af56ef3bf0ecbf2a5ea99e26

Per il mare, le isole e le città calde, partite con un paio di sneakers, leggings (o shorts) e ti shirt, in borsa un golfino (magari l’unico!), occhiali da sole e pochette porta trucco.
Nella valigia, gonne leggere, abiti impalpabili, un paio di leggings, shorts e costumi da bagno.
1e466df550100a500485c762ac248a1d

yy54799dbc8719fbefae519f416475d73d

 

 

More about Melly

12 thoughts on “How to do: come fare un bagaglio a mano senza impazzire!

  1. francimakeup

    Bravissima ottimi consigli!

    Rispondi

    1. Melly

      grazie! avrei voluto che qualcuno li avesse dati a me anni fa ahaahah

      Rispondi

  2. Veronica

    Post utilissimo! Cerco sempre buone idee per fare le valigie, nonostante negli ultimi anni abbia imparato anche io a farle :p di solito però io metto le scarpe sul fondo del bagaglio perché ho idea che, pesando di più, se tenute sui vestiti (che io arrotolo tendenzialmente) li schiaccino ancor di più!

    Rispondi

    1. Melly

      si, dipende da quanto pesa la scarpa. Anno scorso, per andare in Andalusia e a Palermo dalle mie amiche, misi le scarpe nella taschina interna ma proprio perchè sono leggerine, erano solo due paia di ballerine e due sandalini

      Rispondi

  3. Mari

    Molto carina l’idea di questo articolo è anche ottime le strategie ed i suggerimenti e poi tutte le foto. Ma quanto brava sei?!? Comunque io mi sono talmente tanto stancata di fare valigie pesanti da portare in giro con una fatica immensa e poi rimettere tutto apposto che sono diventata sintetica.
    xxx
    Mari
    http://www.ilovegreeninspiration.com

    Rispondi

    1. Melly

      si, alla fine impari comunque ad arrangiarti, se ti abitui a viaggiare in aereo e a muoverti spesso! Non son brava, solo esperienza da viaggiatrice 😀

      Rispondi

  4. Federica

    Incredibile ammirazione per la tua saggezza! 😀 Ottimi consigli e bell’idea per l’articolo, molto utile in questo periodo di partenze. Io, da make-up addict quale sono, faccio molta fatica a snellire il beauty, ma mi illudo di riuscire a migliorare col tempo!
    Complimenti per il tuo blog, sono contenta di averlo scoperto.

    Federica
    http://www.aboutbeauty.it

    Rispondi

    1. Melly

      ma grazie!! alla fine sono circa 10 anni che viaggio da sola in aereo con bagaglio a mano e mi sono affinata nella tecnica! tant’è che quest’anno che viaggerò in auto, mi son quasi trovata smarrita nel riempire una valigia grossa sentendomi libera di scegliere tutto quello che volevo 🙂

      Rispondi

  5. Roberta

    veramente utile come post.

    Rispondi

    1. Melly

      son contenta possa essere utile !

      Rispondi

  6. jesslan

    Ma quanto tempo è che non ti leggo? Sto andando indietro nei mesi….btw, avevo fatto anch’io un articolo simile lo scorso anno…pensa che io viaggio sempre e solo con il bagaglio a mano. La mia capacità di sintesi migliora di viaggio in viaggio!

    Rispondi

    1. Melly

      ahah ti sei data alla macchia, tipo me

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *