Come sono sopravvissuta ad una tinta sbagliata

1

** non prendete questo post come una Guida. Non usatemi come esempio, se non al massimo come rappresentazione della coglionanza. Ho fatto una cazzata e ho rischiato di rovinarmi i capelli. Per fortuna sono ancora tutti sulla mi testa.**

Sabato scorso ho deciso di accorciare il carrè asimmetrico e di farne uscire un long bob. Ho anche pensato di chiedere di schiarire un rosso scuro in vista della bella stagione. Ossia, il mio scopo era quello di tornare rosso rame gradualmente, nel giro di due ricrescite, ed ero speranzosa, visto che il primo rame l’ho ottenuto tingendomi il castano scuro naturale. Ma mi è stato detto che era impossibile e così, mi hanno decappata. Neanche sapevo cosa fosse.

Il decapaggio, cos’è: non è una decolorazione. La decolorazione agisce direttamente sul colore naturale del capello e attacca la melanina. Il decappaggio va a schiarire di un paio di toni la colorazione chimica applicata precedentemente sulla capigliatura. Tant’è che la ricrescita castana che avevo, continua a vedersi. (Correggetemi se sbaglio)

Appena decappata sembravo la coda di un gallo, il Rosssssito del pollaio. “Ma tranquilla, che ora mettiamo il colore”.
Il risultato è stato l’ottenimento del colore di capelli di Mila Hazuki con il taglio di He Man.

Un bel quadretto insomma.

Per esorcizzare una domenica mattina passata a piangere -giuro, mai successo in vita mia!- , ho passato domenica pomeriggio a fotografarmi accanto a cose arancioni. C’era da fare dell’ironia, altrimenti non ne uscivo.

Poi, la svolta.
Non avevo certo voglia di tornare a spendere quattrini in un salone, ma neanche sono una che con le tinte si può definire affidabile. Sono sprecisa, disordinata, confusionaria e sicuramente incapace di tingermi i capelli. Così ho optato per l’hennè.

L’imbarazzante Prima: (sembra una parrucca, lo so)

17212165_1284568674960451_4345989269491725515_o

20170312_113605

20170312_141820

FB_IMG_1490044673775

RRRRR

La salvezza, se così posso definirla, è stato comprare il giorno dopo un pacco di Hennè castano scuro, naturale e senza picramato. Mi sono presentata in erboristeria, con gli occhi quasi piangenti, a chiedere se avessero un hennè capace, se non di coprire, almeno di andare a spegnere il colore. La commessa mi ha proposto quello di Patrizio Breseghello, assolutamente del tutto naturale.
Mischiato con acqua calda e caffè, l’ho tenuto in testa 3 ore. Il risultato mi ha tranquillizzata.
Avevo già tirato fuori cappelli, cerchietti grandi e studiato tutorial su come si indossano i turbanti, quando mi sono accorta che l’hennè mi ha salvata.

Intendiamoci, sono sempre di un colore imbarazzante, ma almeno l’hennè l’ha spento. Insomma, non somiglio più ad una carota.

L’unico dramma è che non ha preso bene sulla radice, ancora troppo forte per i miei gusti. Pensavo di darci un altro giro di hennè domenica, datemi un consiglio voi.
Ed ecco il Dopo (alla luce diretta restano comunque di un colore molto forte, ma confido nella seconda mandata di henné e nella ricrescita che già è ben visibile 😛 ) :

 

17155600_1284227884994530_3739654786899874203_n

17202967_1284227864994532_4291991818506577471_n

 

1

 

4 3 2

20170318_155156

20170320_082822
20170315_082255

More about Melly

4 thoughts on “Come sono sopravvissuta ad una tinta sbagliata

  1. francimakeup

    Voglio sapere cosa hai detto al parrucchiere 🙂 Comunque in effetti l’ hennè ha funzionato

    Rispondi

    1. Melly

      niente, non ho detto niente. Stavo morendo dentro per la spesa di 98 euro, mai speso così tanto in vita mia. Lì per lì mi sembravano fighi, poi dopo mi sono accorta che in realtà erano ARANCIONI. E nulla, era troppo tardi.
      Ieri ho fatto un altro henné, favoloso! Ha preso molto di più stavolta e ora ho dei capelli umani

      Rispondi

  2. Rory

    L’hennè salva sempre! comunque il primo colore a me non dispiaceva, il punto di certe tinte particolari è che stufano purtroppo.
    Io comunque non faccio testo, dopo aver fatto delle sfumature leggermente più dorate me ne sono pentita subito e sono andata di shampoo shultz per schiarirli più velocemente.

    Rispondi

    1. Melly

      no +è che mi stava proprio da schifo, il colore troppo forte sbatte sul mio viso pallido… poi sembrava davvero una parrucca. Con la seconda mandata di hennè si è risolto tutto 😀

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *