Cewe e il fotolibro di ricette personalizzato

dolcini

Io non so cucinare.
O meglio, so arrangiarmi molto bene, riesco a fare ottimi risotti (senza contare che io preferisco sempre la pasta al pappone del risotto), i primi mi vengono benissimo e ho sdoganato la carbonara in Spagna. So che vi pare di vincere facile a insegnare agli stranieri a mangiare cucinare a modino, ma era buona davvero. E così adoro preparare la pizza, i dolci e tutto ciò che è lievitato. Anche se mi ci son voluti anni per imparare, da sola, e per perfezionarmi (vorrei puntualizzare che una volta ho fatto dei muffin talmente gommosi che mio fratello li ha piazzati in mezzo di strada per vedere come tornavano su dopo che le macchine ci passavano sopra), so fare ottimi dolci e biscotti, compreso anche il temuto pan di spagna, mentre per la pizza, inneggio al miracolo. In Spagna non ho mai osato mangiarla fuori e quindi, essendo una dipendente da lievito di birra, mi son messa di buzzo buono e dopo una settimana a Barna, ero già in casa a sfornare pizze per 10 persone una volta a settimana.
Però,ecco, crollo sulla carne e sul pesce. Non ho idea di come si facciano, delle cotture, dei tagli da scegliere e mi fa schifo disossare il pollo o togliere le lische ai pesci. Credo potrei morire.
Ormai la passione per dolci e paste lievitate è troppo forte, tanto da collezionare giornalini e giornalini di ricette. Il problema è che la pasticceria è precisione e chimica (avevo i debito al liceo, ma vabbè), quindi le dosi mi servono quasi sempre esatte, se si tratta di torte particolari…avere un ricettario tutto mio sarebbe il top.Il mio disagio in cucina è quello di a ripescare ogni volta la ricetta giusta sul numero esatto del millesimo giornale di cucina, oppure perder tempo in rete a scegliere tra due ricette diverse di pan di spagna perchè magari non mi ricordo quale dei due ho scelto la volta precedente. Per ovviare al problema, dovrei scrivere un libro, il mio libro personale di ricette.
Un bel fotolibro di ricette, in cui mettere le immagini e le descrizioni, le dosi e i tempi di cottura di tutto ciò che ho preparato e che è riuscito bene. Non sarebbe un’idea geniale?
In rete ho trovato un sito che mi permetterebbe di realizzarne uno su misura per me, Cewe.

Attraverso il sito, posso scaricare gratuitamente il software e creare così un mio piccolo ricettario personalizzato. Posso scegliere tutto, dalla grafica alla copertina all’impaginazione.
Il mio ovviamente sarebbe monotematico per cominciare, ma in un futuro molto vicino vorrei specializzarmi anche nella pasta lievitata (quindi brioches, pane, ecc)

occhi di bue con marmellata
occhi di bue con marmellata

12

Torta di mele
Torta di mele
Cuor di mela
Cuor di mela
Cinnamons Rolls
Cinnamons Rolls
Crostatine alle fragole
Crostatine alle fragole
occhi di bue con marmellata
occhi di bue con marmellata
Biscotti mint&chocolate
Biscotti mint&chocolate
Crostata di capodanno
Crostata di capodanno
Muffin
Muffin
Pasticcini alle fragole
Pasticcini alle fragole
Ciambelline
Ciambelline
Crostata crema e frutti rossi
Crostata crema e frutti rossi
Biscottini di Natale
Biscottini di Natale
Crostata con crema all'arancia
Crostata con crema all’arancia
Biscottini allo yogurt senza burro nè uova
Biscottini allo yogurt senza burro nè uova
Torta Mimosa con fragole e crema pasticcera
Torta Mimosa con fragole e crema pasticcera

Inoltre, credo che potrei inserirlo nella lista dei regali da fare a Natale: ho un’amica veramente brava a cucinare che qualsiasi cosa, anche per la prima volta, le riesce bene subito. Sarebbe davvero carino fare una raccolta delle sue ricette e racchiuderle tutte in un fotolibro/ricettario su misura 🙂
Se però non amate cucinare, ma preferite mangiare, sul sito di Cewe potete trovare altre mille idee per utilizzare le miriadi di foto che avete nell’hard disk del pc.

Non so voi, ma io da piccola aspettavo con ansia l’arrivo delle foto sviluppate dal vecchio rullino, riguardare i momenti felici delle vacanze e racchiudere alcune foto in un album e appendere le più belle nella mia cameretta.
Con l’arrivo del digitale, abbiamo i ricordi a portata di click, li condividiamo con il mondo, ma non abbiamo così tante foto “vere” da toccare con mano nelle nostre case. A volte una piccola raccolta può essere un tesoro da custodire, per questo sto ponderando l’idea di regalarne uno alle nonne con le foto di me e mio fratello quando eravamo piccoli. Per come sono loro, sicuramente apprezzeranno.

 

More about Melly

2 thoughts on “Cewe e il fotolibro di ricette personalizzato

  1. Jesslan

    L’idea è davvero carina! Io voglio il bimby! Cucinare non è il mio forte, mi vengono bene i primi, benissimo i risotti soprattutto (grazie, le origini aiutano un tantino), nei secondi non ho molta fantasia, mentre nei dolci sono proprio limitata. Complice il fatto che il mio nuovo forno da milleeunanotte è tanto figo quanto stronzo e non capisco quanto tempo ci mette a cuocere la roba! ho studiato più il suo libretto che il libro di elettronica all’epoca e cmq vince lui…o carbonizzo o è talmente crudo da essere immangiabile. Vorrei avere più tempo e più voglia per dedicarmi a fare qualcosa di più creativo. Pure la pizza non ci riesce! La prima volta che l’abbiamo fatta in casa nuova non è lievitata bene e io sono stata male tutta notte (il giorno dopo partivo per lavoro olè olè), la seconda volta mi sarò sveglia trentordici volte in una notte…la terza non abbiamo ancora deciso quando sarà 🙂

    Rispondi

    1. Melly

      se non ti lievita bene forse è colpa dei tempi che dai alla pasta. Io in genere la faccio la sera prima e le do 24h per crescere.
      Una volta però ricordo che era molto umido in casa e la pizza continuava a lievitare anche in forno. Digerisco anche i sassi, però non era certo il risultato che volevo. Controlla anche il grado di umidità in casa, tieni la pasta nel forno spento (se possibile con lucina accesa), dividila in tante palline e falla crescere più ore possibile. Se ti avanza congelala: per assurdo a me viene più buona la pizza con l’impasto che ho surgelato :/

      I risotti non li faccio da quando son tornata dalla spagna perchè odio il burro e tra risotto e pasta, vince la pasta…però ero braverrima a farli 😛
      Per la carne, stendo un velo pietoso e imbarazzante. Ma non esiste solo quella alla griglia?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *