La dubbia bellezza dei mocassini

Se per le donne sono i clogs, per gli uomini sono i mocassini…. sto parlando delle calzature più orrende che esistano per entrambi i sessi, calzature che seppur obiettivamente brutte, trovano consensi favorevoli nel grande pubblico.

Quel gentiluomo del mio ex Rodolfo, convinto che l’apparenza fosse necessaria per sentirsi soddisfatti e ottenere maggior stima di se stesso, decise di acquistrane un paio nel lontano 2006. Inutile dire che mi sembrava di uscire con un nonno. La scusa era: li indosso senza calzini, così il piede non suda.   (momento di sconcerto).

Quando si è accorto, frequentando i bar più “in” (ovviamente senza di me… forse era per questo che ci facevamo le corna?) di Prato e Firenze, che le fighette di legno anoressiche rivestite di bauletti di Vuitton apprezzavano particolarmente la sua combo jeans-mocassini, è stato difficile convincerlo a toglierseli.

Sarà che mi ricordano Rodolfo, sarà che mi sembrano da vecchietto straricco che passa il finesettimana passeggiando al Forte dei Marmi con un golfino sulle spalle e una polo di Ralph Lauren, ma a me proprio non piacciono.

Non mi danno l’idea di giovanile, anzi, di omino di una certa età. Forse rimandano a un che di classe e raffinatezza, dato che se si pensa al mocassino, viene per forza in mente il marchio Tod’s… ma, per favore, facciamo qualcosa, rendiamoci conto che queste calzature non sono adatte a un pubblico giovane e, soprattutto, cerchiamo di far capire a questi ragazzucci che non esiste scusa per una scarpa senza calzini, neanche quando si tratta di un mocassino.

More about Melly

17 thoughts on “La dubbia bellezza dei mocassini

  1. jesslan

    Mi dispiace, ma questa volta ti do assolutamente contro! L’uomo con un golfino sulle spalle, una polo e il mocassino è il più classico che esista, ma è anche il tipo d’uomo che mi piace di più! Come si dice da me, dà l’idea del classico “Gagà milanese”, ma mi piace tantissimo!

    Rispondi

  2. M.Elly

    no, io non ce la posso fare… sono un po’ estrema, mi piace l’uomo rude, con la berbetta incolta, un po’ artistico e scapigliato, un po’ lercio e rozzo. Magari se mi tira anche un paio di rutti… LoL.
    Comunque, non piacendomi un certo stile di vita (forse davvero sono rimasta traumatizzata dal mio ex) fatto di eventoni nei locali fighi o semplicemente, non mi piace il maschio eccessivamente curato, raffinato e classico, non riesco a farmi piacere i mocassini. Li vedo bene per un signore distinto e di classe, ma non per un giovane. Ci sono scarpe e scarpe e si più apparire eleganti anche con un paio di sneakers a modino, come quelle di LaCoste, ad esempio.

    Rispondi

  3. Chiara

    Sai già come la penso: l’uomo col mocassino mi fa proprio cagare :P.
    L’unico uomo col mocassino che posso sopportare (a stento) è mio padre, che ha però 58 anni: ecco, al di sotto della 50ina il mocassa è proprio da evitare.
    Ti dirò di più: a me fa sangue l’uomo con le All Star :D, alla faccia dell’aria da bauscia milanès!

    Rispondi

  4. M.Elly

    già, quanto è vero…. il maschio con le all star mi fa impazzire!! infatti ne ho regalate un paio azzurre al mio ragazzo, così riprendono il colore dei suoi occhi ^^

    Rispondi

  5. Ingmar

    Non condivido minimamente, e poi cos’è sto amore masochistico per il mito stereotipato del maschio rude? Da contrapporre ovviamente ad un estremizzato stereotipo opposto. Sarebbe come se a me piacessero le oche, e detestassi le ballerine (scarpe) e siccome oca non sei e hai anche gusto nel vestire, io non capisco. Dipende da come uno lo porta il mocassino e dal tipo di mocassino.
    Cose che poi potrei trovare volgarissime in una donna tamarra, come chesso un certo tipo di stivali, specie sopra le ginocchia, potrei trovarlo di classe in una che li sa portare, no l’altezza non c’entra. 🙂

    Rispondi

  6. Ingmar

    Le all star non le metto, ma a molti stanno bene, ad esempio.

    Rispondi

  7. M.Elly

    credo che il mocassino invecchi l’uomo. Soprattutto indossato senza calzini, orrore e terrore nel toglierti le scarpe. Purtroppo in molti son convinti non che faccia figo, ma che indossarli faccia soldi. Mi spiego meglio: è come un biglietto da visita, è come un dichiararsi apertamente ricchi/benestanti, almeno dalle mie parti. Il mocassino per un ragazzo giovane è terrificante. L’uomo ultimamente è di moda senza barba, con la ceretta che lo depila e lo rende quasi glabro, androgino. L’uomo assume sempre di più caratteristiche e sembianze tipiche del mondo femminile. L’uomo con la borsetta, l’uomo che va dall’estetista, l’uomo che si cura troppo, l’uomo che si fa le lampade. Credo che ultimamente si sia perso quel senso del mito, dell’uomo forte (non palestrato, ma sportivo, forte, il che è ben diverso) e macho, con la barbetta incolta, con il pelo nel punto giusto e con l’abbigliamento un po’ sportivo, un po’ classisco. Il mocassino a mio avviso fa parte dell’inglorioso guardaroba da maschio etero che sembra gay.

    Rispondi

    1. Antome

      Come lo porto io il mocassino non da affatto quell’idea, 🙂 sono l’esatto contrario di quell’idea di ricchezza accumulata ed esibita. Lo vedo come il corrispondente di un certo tipo di scarpa elegante nella donna, non proprio il tacco (non quello a spillo, ecco) ma una decolletè più discreta ed elegante. Non credo che invecchi, e il genere che uso io è meno squadrato e privo di particolari, insomma è classico, non fighetto, quasi d’altri tempi piuttosto. Mi piace questo contrasto anche col fatto che sono sotto i 30 anni.
      Non mi piace lo stereotipo del supermacho, ma nemmeno la sua versione tamarra alla jersey shore, così come pure quello altezzoso e narcisistico. Però mi curo, senza estetista, da me. Il più delle volte me ne frego, ma in entrambi i sensi, cioè se in una zona non mi va di avere peli ci passo il rasoio, ma poi torno normale 🙂 e spesso ho un po’ di barba anche se aggiustata.
      Ma penso che come una donna che si cura molt può essere forte e tutt’altro che narcisa lo stesso può valere per l’uomo, dipende insomma.

      Rispondi

  8. jesslan

    Pensa che il mio moroso la vedeva esattamente come te sui mocassini, mentre io volevo che se ne prendesse un paio sportivi, da portare coi bermuda o coi jeans adesso in estate. Lui sempre NO NO NO! Poi è successo quel che è successo, liti, diverbi, stand-by e tira e molla…Una volta calmatasi un po’ la situazione (N.B.: non “risolta” ma calmata!), siamo andati a fare shopping e ha visto un paio di mocassini scamosciati beige, non col fiocco (tipo quelli della prima foto), ma con un nodino e due pezzetti di metallo alla fine, li ha provati e se li è presi, credo con l’unica motivazione di darmi il contentino e strapparmi un mezzo sorriso. La sera stessa se li è messi e dopo pochi passi mi guarda serio e mi fa “Mi sembra di avere ai piedi delle nacchere…cosa non si fa per amore!”, con misto tra sarcasmo e disgusto.
    Il weekend successivo però le ha rimesse e, non contento, se ne è comprato un altro paio blu, sempre in camoscio, ma con una fibbia (tipo la penultima foto) e si è lasciato scappare un “Però sono comodi, non li sento neanche”.

    Rispondi

    1. jesslan

      Ah, ti assicuro che però lui non è assolutamente il classico fighetto palestrato, lampadato e depilato da testa a piedi!! Ma preferisco così!! Anzi, aveva il malsano vizio di andare di tanto in tanto dall’estetista a farsi fare le sopracciglia e sto cercando di farglielo perdere del tutto, perché ho sempre pensato e continuerò a pensare che le sopracciglia ben disegnate e definite in un uomo siano da finocchio! Senza nulla togliere a loro, per carità, ma “l’omo ha da esse omo”!

      Rispondi

  9. giovanna

    per me rimangono delle ‘signore’ scarpe. Ad ognuno il proprio apprezzamento o disprezzo!

    Rispondi

    1. M.Elly

      questo indubbiamente. 🙂

      Rispondi

  10. Armando

    Purtroppo quando non si conosce un argomento sarebbe meglio tacere!!! Come nel caso della ragazza che ha scritto sopra… Prima di tutto dovrebbe considerare che essere eleganti non vuol dire essere vecchi, se poi il suo uomo ideale è un tamarro con i piedi sudati e fetenti in un paio di scarpr da tennis magari sarebbe il caso che si astenesse dal fare l’esperta di moda…Cmq il mocassino per etichetta va indossato sempre con il calzino, indossarlo senza è una deroga x la quale si chiude un occhio quando colui che li indossa veste in modo casual…Detto questo va aggiunto che il mocassino, cosi come qualsiasi altro capo di abbigliamento, va saputo indossare. Se il tuo ex era un cesso o di lui hai un brutto ricordo dubito che tu possa immaginarlo star bene qualsiasi sia lo stile che lui scelga di adottare…Ma per cortesia evitate di fare gli intenditori di moda se i vostri modelli di stile sono i cafoni alla sagra della salciccia o i freakkettoni/punkabestia che vivono scaciati a terra in simbiosi estetica con il loro cane…

    Rispondi

    1. M.Elly

      il mio ex era un bellissimo ragazzo, purtroppo. Se questo articolo ti ha colpito nel profondo mi dispiace, ma i mocassini sono le scarpe da Conte Minchia. Con o senza calzino.
      L’intenditrice di moda non è colei che segue le tendenze e sa farsi piacere qualcosa, ma chi conosce il prodotto, il suo utilizzo nella storia, i suoi massimi testimonial, chi ha creato il prodotto e come si è riuscito a piazzare nel mercato. L’intenditrice ed esperta di moda ne conosce la storia, ne riconosce le cuciture e le fattezze e i pellami. Quindi, carissimo Conte, sappia che l’intenditrice di moda non è obbligata a non avere opinioni contrastanti su un prodotto oggettivamente repellente.
      Quanto ai nostri ideali maschili, e qui ne posso parlare all’unanimità, non sono certo i tamarri con i piedi fetenti o i tipi da sagra, ma ci sono delle sfumature. Dal Conte Minchia al Cafone di Periferia c’è un mondo nel mezzo…

      Rispondi

  11. Armando

    Purtroppo devo contraddirti di nuovo, perchè continui ad errare e lo fai in modo anche presuntuoso…chi conosce un prodotto,il suo utilizzo,la storia,etc,etc… non è un’intenditrice di moda,ma semmai una persona informata o che ha studiato quell’argomento, che poi se ne intenda e che abbia le capacità e le qualità per dare giudizi è tutto da dimostrare…a tal proposito non capisco come tu faccia ad arrogarti la presunzione di dire che un prodotto è “oggettivamente repellente”??? Sarebbe oggettivo perchè lo hai detto tu??? e tu chi sei??? posto il fatto che proprio perchè una tua opinione trattasi di cosa SOGGETTIVA…

    Rispondi

    1. M.Elly

      Oggettivamente repellente perchè, appunto, solo a ignoranti conti minchia che seguono mode astruse può piacere.
      Intenditrice=esperta=conoscitrice=che ha conoscenze specifiche in un ben delineato settore. Ergo, non è detto assolutamente che, pur avendo una grande esperienza nel tal settore, il soggetto debba sottostare ai gusti dettati da esso.
      Ignorante.

      Rispondi

      1. Antome

        Niente di più soggettivo ;).

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *